Sentenza I CCA 23.6.2004 11.2000.11

Pubblicazione: 
BOA N. 28, dicembre 2004

Azione di separazione - nuove domande in appello - contributo di mantenimento : reddito ipotetico - fabbisogno: cure dentarie e mediche non coperte dall'assicurazione, spese di trasferta e spese professionali e di aggiornamento di medico ginecologo - contributo per le spese straordinarie del figlio - relazioni personali : estensione abituale del diritto di visita - art. 118 cpv. 2, 138 cpv. 1, 273, 286 cpv. 3 CC

Nuove domande di giudizio sono proponibili in appello solo se fondate su fatti o mezzi di prova nuovi e a condizione che siano presentate al più tardi con l'appello, rispettivamente con la risposta all'appello (consid. 1).
Durante la separazione il contributo di mantenimento si calcola secondo l'art. 176 cpv. 1 n. 1 CC, in base alla divisione a metà dell'eccedenza mensile rimanente dopo aver dedotto dal reddito familiare il fabbisogno dei figli minorenni e dei coniugi (consid. 4).
In presenza di un reddito familiare sufficiente per finanziare due economie domestiche separate, a un coniuge cui è affidato un figlio di età inferiore ai 16 anni non può essere imposta un'attività lucrativa a tempo pieno (consid. 5).
Il costo delle cure mediche e dentarie non coperte da un'assicurazione rientra nel fabbisogno minimo, a condizione che ne sia dimostrata la necessità, l'entità e il carattere duraturo (consid. 6e).
Per comune esperienza un medico ginecologo deve poter disporre di un veicolo proprio con il quale raggiungere l'istituto in cui opera. Nel suo fabbisogno minimo può quindi essere inserito l'onere per il leasing, l'assicurazione casco e l'imposta di circolazione del veicolo Audi A3 1.6 (consid. 8b).
Le spese professionali e di aggiornamento, come le spese di iscrizione, di viaggio e di alloggio per la partecipazione a simposi e convegni professionali, rientrano nel fabbisogno minimo, nella misura in cui sono documentate (consid. 8c).
Il fabbisogno in denaro del figlio comune dei coniugi va calcolato separatamente da quello dei genitori, mentre l'obbligo di mantenimento verso un figlio nato fuori dal matrimonio è un debito personale, al quale il genitore deve provvedere con la sua quota di eccedenza (consid. 8d).
Il contributo per le spese straordinarie del figlio richiede che questi abbia necessità transitorie e imprevedibili al momento in cui è fissato il contributo di mantenimento. Non è possibile chiedere in anticipo un'autorizzazione generale ad affrontare in futuro spese di entità imprecisata per il figlio di cui esigere poi il rimborso dall'altro genitore (consid. 9b).
Nel Cantone Ticino per ragazzi in età scolastica è da considerare abituale un diritto di visita consistente in: un fine settimana su due, dalle ore 18 del venerdì alle ore 18 della domenica, due settimane annue durante le vacanze scolastiche estive, una settimana annua durante le vacanze di Natale, una settimana annua alternativamente durante le vacanze scolastiche di Pasqua e carnevale e una settimana ogni biennio durante le vacanze scolastiche di Ognissanti (consid. 11).