Sentenza I CCA 30.8.2004 11.2004.89

Pubblicazione: 
BOA N. 28, dicembre 2004

Misure di protezione dell'unione coniugale - filiazione - assistenza nel mantenimento dei figli nati prima del matrimonio - art. 176, 278 cpv. 2 CC, 159 cpv. 3 CC

Il coniuge che accetta di accogliere nella propria economica domestica i figli dell'altro coniuge nati prima del matrimonio si impegna per legge ad assistere a titolo sussidiario il genitore nel loro mantenimento. Tale dovere non cade con la sospensione dell'economica domestica comune, ma esiste per tutta la durata del matrimonio. Una volta sospesa la vita comune l'obbligo del patrigno consiste nel dovere di aiutare finanziariamente la moglie se costei non è in grado di mantenere sé stessa, dovendo provvedere al fabbisogno del proprio figlio (dedotti il contributo versato dal padre biologico, gli assegni familiari, le rendite di assicurazioni sociali e simili, risarcimenti e prestazioni analoghe). In concreto, il fabbisogno minimo della moglie comprende anche tutto il fabbisogno in denaro del figlio rimasto scoperto (consid. 9).