20c Art. 176 cpv. 1 n. 1 CC

Pubblicazione: Estratto da Rivista ticinese di diritto I-2010 (III. Diritto di famiglia)


Protezione dell’unione coniugale – fabbisogni minimi dei coniugi
Condizioni alle quali i costi per l’uso di un’automobile possono essere inseriti nei fabbisogni minimi dei coniugi (conferma della giurisprudenza).
I CCA 8.5.2009 N. 11.2009.45


5. a) La fine della vita in comune non preclude a un coniuge il diritto di mantenere, per quanto le condizioni economiche della famiglia lo permettano, il tenore di vita precedente (DTF 114 II 26). Il coniuge che durante la vita in comune adoperava un’automobile ha diritto così di vedersi inserire nel fabbisogno minimo – in linea di principio – i costi d’uso, sempre che il bilancio familiare consenta di finanziarli. Nel fabbisogno minimo di un coniuge vanno inseriti altresì costi d’automobile sorti dopo la fine della vita in comune, a condizione che siano necessari per scopi professionali, per motivi di salute o per esercitare il diritto di visita (Rep. 1994 pag. 145, 1993 pag. 226). In situazione di ristrettezza, per contro, i costi d’automobile vanno tralasciati. Ove trasferte siano nondimeno indispensabili per scopi professionali, per motivi di salute o per esercitare il diritto di visita, va inserito nel fabbisogno minimo del coniuge in questione il costo di un abbonamento ai mezzi pubblici (da ultimo: I CCA, sentenza inc. 11.2008.42 del 24 ottobre 2008, consid. 4a).

CC 1907 RS 210
Codice civile svizzero, del 10 dicembre 1907

divorzio.ch

Il presente sito ha quale scopo quello di informare l'utente sulle questioni principali inerenti la procedura di separazione e di divorzio in Svizzera.

Il sito non è rivolto in modo esclusivo a giuristi, ma anche a chi desidera informazioni sulle procedure e conseguenze di una separazione o un divorzio. Sono inoltre pubblicati indirizzi ai quali rivolgersi in caso di problemi coniugali.
© 1999-2021 avv. Alberto F. Forni - Switzerland