42c Art. 285 cpv. 1 CC

Pubblicazione: Estratto da Rivista ticinese di diritto II-2006, III. Diritto di famiglia


Contributo di mantenimento per figli comuni nel caso in cui un genitore si sposi

Dopo il matrimonio non fa più stato il reddito del debitore e il minimo esistenziale del diritto esecutivo per debitore solo, ma il reddito di coppia e il minimo esistenziale del diritto esecutivo per coppie, i coniugi avendo tra loro reciproci diritti e doveri.
I CCA 22.12.2005 N. 11.2004.58


1. Secondo l’art. 285 cpv. 1 CC il contributo di mantenimento dev’essere commisurato, tra l’altro, ai bisogni del minorenne, come pure alla situazione sociale e alle possibilità dei genitori. Il suo ammontare dipende concretamente dalla capacità finanziaria dei genitori medesimi: per sostanza, reddito del lavoro effettivo e, secondo le circostanze, per le entrate conseguibili facendo uso di buona volontà (HEGNAUER, Droit suisse de la filiation, 4a edizione, pag. 140 n. 21.15c; Berner Kommentar, edizione 1997, nota 58 ad art. 285 CC). In ogni caso al debitore del contributo va garantito almeno l’equivalente del fabbisogno minimo; l’eventuale ammanco rimane a carico del figlio (DTF 128 III 414 a metà, 127 III 70 consid. 2c con richiami di giurisprudenza; WULLSCHLEGER in: Schwenzer, FamKommentar Scheidung, Basilea 2005, n. 40 ad art. 285 CC).
[…]
4. Sostiene l’appellante che la sua situazione finanziaria si è modificata in seguito alla nascita di X., avvenuta il 27 dicembre 2002. Egli dimentica però che il Segretario assessore era all’oscuro dell’evento. Al Segretario assessore si può rimproverare invece di avere disconosciuto che il convenuto era sposato fin dal 3 settembre 1999, ciò che avrebbe potuto accertare senza difficoltà. Ora, se un debitore si risposa il nuovo coniuge ha l’obbligo di assisterlo a titolo sussidiario nell’adempimento dei suoi obblighi verso il figlio avuto prima del matrimonio (art. 159 cpv. 3 e 278 cpv. 2 CC; SJ 114/1992 pag. 133 consid. 3e/aa con riferimenti), al punto da poter essere tenuto – dandosene gli estremi – a estendere o a riprendere un’attività lucrativa (DTF 127 III 72 consid. 3 con richiami). Ai fini del presente giudizio non si può quindi prescindere dal considerare i redditi e il fabbisogno della moglie. Per valutare la disponibilità del convenuto verso Y. occorre accertare, in altri termini, la situazione dell’intero nucleo familiare (I CCA, sentenza inc. 11.2005.12 dell’8 settembre 2005, consid. 6b).

CC 1907      RS 210
Codice civile svizzero, del 10 dicembre 1907

divorzio.ch

Il presente sito ha quale scopo quello di informare l'utente sulle questioni principali inerenti la procedura di separazione e di divorzio in Svizzera.

Il sito non è rivolto in modo esclusivo a giuristi, ma anche a chi desidera informazioni sulle procedure e conseguenze di una separazione o un divorzio. Sono inoltre pubblicati indirizzi ai quali rivolgersi in caso di problemi coniugali.
© 1999-2019 avv. Alberto F. Forni - Switzerland